Relazioni con i pari: cosa succede se il bambino non ha amici?

Molte fonti hanno confermato che le difficoltà con i pari nel periodo dell’infanzia conducono a problematiche di natura psicologica. La maggior parte delle ricerche si sono concentrate sul ruolo del rifiuto e dell’amicizia e le conseguenze relative all’adattamento psicologico in età successive.

Relazioni con i pari: problemi esternalizzanti

I risultati di studi longitudinali indicano che il rifiuto dei pari nell’infanzia predice un’ampia gamma di problemi esternalizzanti in adolescenza tra cui,

Bambini e relazioni amicali: qual è l’importanza?

All’interno del gruppo dei pari possono nascere relazioni amicali fondamentali per il futuro sviluppo psicologico e sociale. Bambini che non hanno un rapporto di amicizia con un’altra persona possono avere uno sviluppo sociale distorto. L’amicizia è definibile come una relazione positiva, intima o reciproca che generalmente si riferisce a rapporti diadici.

Le relazioni amicali: perché sono importanti

All’interno delle relazioni amicali i bambini scoprono giochi sempre più cooperativi e complessi e iniziano a comprendere come gestire e risolvere i conflitti nella maniera più appropriata.

Popolarità tra pari: fattori determinanti

Ogni giorno gli studenti trascorrono molte ore cercando di costruire rapporti con i propri compagni di classe. La popolarità tra pari rappresenta uno degli indicatori di successo del tentativo di integrazione nel contesto scolastico. Come regola generale, gli studenti impopolari, che non sono collegati con la rete dei pari, mostrano comportamenti antisociali, bassi livelli di benessere psicologico ed un rischio maggiore di abbandono scolastico (Ostberg,

Competenza sociale e status sociometrico

Sin dalla sua nascita il bambino è inserito all’interno di una rete relazionale che diventa sempre più complessa a livello strutturale. Nei primi anni di vita questa rete sociale può essere individuata nella famiglia ma ben presto, in corrispondenza dell’ingresso a scuola del bambino, la fitta trama di relazioni sociali aumenta notevolmente. All’interno della scuola il bambino ha quindi la necessità di sviluppare nuove e più complesse capacità cognitive che gli consentiranno di far fronte alle esigenze dettate dall’ambiente relazionale scolastico.

Relazioni con i pari: l’importanza per il bambino

La letteratura psicologica ha evidenziato l’importante ruolo delle interazioni con i pari durante l’intero arco di vita. Il ruolo delle relazioni tra pari diventa ancor più evidente durante i periodi di transizione: in questi momenti che scandiscono la crescita dell’individuo, esso assume notevole importanza ed in particolar modo, l’influenza delle relazioni interpersonali con i coetanei risulta evidente soprattutto in corrispondenza della fase in cui il contesto familiare inizia a “diventare stretto” al bambino.

START TYPING AND PRESS ENTER TO SEARCH